Igiene degli impianti di climatizzazione dell’aria

Climatizzazione dell’aria

Il ricorso frequente alla climatizzazione dell’aria negli ambienti indoor sta sollevando in tutto il mondo molti problemi legati alla salubrità e alla sanità degli ambienti confinati

La periodica pulizia o la sola sostituzione dei filtri nelle Unità Trattamento Aria non è sufficiente a garantire un’igiene del circuito aeraulico dato che, all’interno si accumulano col tempo strati di polveri e detriti che costituiscono ideali terreni di sviluppo per colonie di batteri, muffe e funghi ai quali vanno spesso ad aggiungersi anche pollini e allergeni.

Questi sono in grado di causare serie patologie come allergie respiratorie, irritazioni oculari, stati di malessere generalizzato conosciuti a livello internazionale con il nome di “Sick Building Syndrome (Sindrome da edificio malato).

Contattaci

Obblighi normativi

Inviaci una email a info@sivaonline.it

O contattaci l numero verde 800.017763

Obblighi normativi in materia di Igiene Aeraulica:

  • 2008 – “Requisiti dei luoghi di lavoro” (D. Lgs. 81/2008)

Successivamente sono state redatte diverse norme tecniche di cui le più recenti sono:

  • 2013 – “Procedura operativa per la valutazione e gestione dei rischi correlati all’igiene degli impianti di trattamento aria” (Rep. Atti n° 55/CSR del 7/2/2013)
  • 2015 – “Linee guida per la prevenzione e il controllo della Legionellosi” (Rep. Atti n°79/CSR del 7/5/2015)
Contattaci

Il programma operativo consiste in:

  • indagine preliminare al fine di identificare le condizioni igieniche dell’impianto ed eventualmente i punti critici
  • analisi effettuate in collaborazione con un laboratorio certificato Accredia per certificare lo stato di salute di un impianto
  • videoispezione effettuata con robot filoguidati all’interno del circuito aeraulico al fine di valutarne le condizioni interne o ricercare eventuali anomalie
  • disinfezione effettuata mediante aerosolizzatori e nebulizzatori che permettono di distribuire il prodotto disinfettante in maniera uniforme in tutta la distribuzione aeraulica
  • sanificazione consiste nella effettiva pulizia da polveri mediante l’utilizzo di spazzole rotanti, robot o getti di aria compressa che abbinati ad un aspiratore, ne permettono il sollevamento e convoglio all’esterno delle condotte
  • al temine di ogni intervento viene rilasciata la relazione tecnica e tutta la documentazione necessaria per adempire agli obblighi normativi in materia.

La presenza di un impianto aeraulico o idrico deve inoltre prevedere una Valutazione del Rischio (DVR) specifico per il rischio biologico e laddove non fosse ancora presente, la nostra azienda è in grado di elaborare un dettagliato programma di monitoraggio e prevenzione.

Contattaci